News

Al via la prima edizione del concorso nazionale delle buone pratiche per la sicurezza in edilizia

Al via la prima edizione del concorso nazionale delle buone pratiche per la sicurezza in edilizia

L’iniziativa nasce dalla collaborazione di CNI e RPT con Inail e Gruppo Tecnico interregionale per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

La procedura online per partecipare alla selezione sarà attiva dal 22 luglio al 22 novembre. Al via la prima edizione del concorso nazionale “Archivio delle buone pratiche per la salute e sicurezza sul lavoro nei cantieri temporanei o mobili”.

L’iniziativa nasce dalla collaborazione tra Consiglio Nazionale Ingegneri e Rete Professioni Tecniche con l’Inail e il Gruppo Tecnico interregionale per la salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro.

Per conto dei professionisti tecnici, l’iniziativa è stata seguita dal Comitato di coordinamento del Procollo d’intesa con Inail guidato dall’Ing.Gaetano Fede e composto dall’Ing.Antonio Leonardi e dall’Ing.Rocco Sassone. Lo scopo del concorso è quello di creare un archivio facilmente consultabile di buone pratiche per la prevenzione degli infortuni nei cantieri, in grado di favorire la diffusione di soluzioni innovative volte a garantire la sicurezza dei lavoratori.

La partecipazione è aperta alle imprese del settore edilizio, ai coordinatori per la sicurezza nei cantieri e gli enti pubblici.

A partire dal 22 luglio, fino al 22 novembre 2019, sarà attiva la procedura online per partecipare alla selezione, articolata in tre fasi da eseguire in un’unica sessione. “Questo bando – ha dichiarato Armando Zambrano, Presidente CNI e Coordinatore RPT – fa parte di una serie di azioni in tema di sicurezza nell’edilizia già previste dal Piano nazionale prevenzione in edilizia 2014-2018, prorogato al 2019.

Siamo particolarmente lieti di questa collaborazione con Inail, a dimostrazione della sensibilità che come ingegneri e professionisti tecnici in generale abbiamo sempre avuto rispetto a questo delicato tema”. “L’obiettivo di questo concorso – ha detto Gaetano Fede, Consigliere CNI con delega al tema della sicurezza - è la valorizzazione di tutte le case history di sicurezza nei cantieri che sul piano tecnico, organizzativo e procedurale si sono distinte per originalità, replicabilità, efficacia prevenzionale e fattibilità economica”.

Un Comitato tecnico-scientifico valuterà le proposte pervenute per individuare i finalisti da sottoporre alla giuria, composta da rappresentanti degli enti promotori ed eventualmente integrata da esponenti del mondo imprenditoriale, istituzionale e accademico. Per ogni categoria saranno premiate le prime tre buone pratiche ritenute migliori, che saranno presentate nel corso delle giornate della sicurezza in edilizia organizzate da Inail e Regioni e potranno essere pubblicate su riviste di settore.

La cerimonia di premiazione avverrà a Roma, nel corso di una giornata dedicata al tema della prevenzione in edilizia. Gli elaborati premiati potranno essere trasmessi alla Commissione consultiva permanente per la salute e la sicurezza sul lavoro per la procedura di validazione come “Buone Prassi”. Tutti i lavori riconosciuti di interesse concorreranno, comunque, alla creazione dell’archivio.

Adesisci ai nostri servizi